Christian Arioli.com Videomaker

Le interviste di Christian Arioli




SOLAMENTE NERO: INTERVISTA COL REGISTA ANTONIO BIDO

Antonio Bido è uno dei registi che, sull'onda del successo dei thriller argentiani, ha girato alcuni buoni esempi di film gialli ma con una spiccata personalità così da non rendere banale la visione. Da qualche tempo si è messo in disparte ma sta preparandosi al grande ritorno con un nuovo thriller/noir.

La tua passione per il cinema nasce quando tu eri ancora adolescente...
- A 6 anni mi sono fatto regalare il mio primo proiettore 35mm a manovella. E a 13 ho comprato la mia cinepresa 8 mm e ho girato "Le avventure di Tom Sowyer" sonoro 20'. Gli anni del Liceo e dell'Universita' sono stati i piu' belli: vivaci, trasgressivi, creativi. In effetti studiavo poco e mi sono laureato in lettere con una tesi sul cinema dell'orrore in Italia con vent'anni di ritardo! In conpenso fotografavo, filmavo, andavo al cinema e ascoltavo musica. Tantissimo. Volevo fare il regista e lo sono diventato. Lo sono ancora e non so che altro potrei fare oltre a questo mestiere.

ALIENO DA

Come sei approdato nel 1977 al tuo primo thriller "Il gatto dagli occhi di giada" ?
- A il "Gatto con gli occhi di giada" sono approdato dopo aver girato, ancora ventenne, diversi film sperimentali ed aver fatto l'aiutoregista in "Faccia di spia" di Giuseppe Ferrara. Sono riuscito a trovare dei finanziamenti da privati (allora era forse piu' facile) e li ho investiti con passione nel genere che mi sembrava piu consono a far apprezzare seriamente le mie capacita': il thriller.

FACCIA DI SPIA

L'anno successivo ti ripresenti con un altro thriller: "Solamente nero": scelta o imposizione per il successo del film precedente ?
- "Solamente nero" è stato sia un imposizione (considerato, come ben dici tu, il successo del primo) sia una scelta, perche l'ho comunque scritto io insieme a due collaboratori di fiducia (Marisa Andalo, sceneggiatrice e mia moglie, e Domenico Malan, sceneggiatore e amico).

Come il rapporto coi tuoi collaboratori ?
- Il rapporto e sempre stato ottimo, sebbene si sia limitato al lavoro. Solo con Maurizio Dell' Orco, direttore della fotografia di "Blue Tornado", ho continuato sia a lavorare che a incontrarmi extra set.

Segui di norma tutte le parti della costruzione dei tuoi films (soggetto, sceneggiatura, montaggio...) ?
- Essendo un perfezionista al limite del maniacale seguo tutte le fasi dei miei lavori (film o documentari che siano).

C o m e m a i s e i a n n i d i s i l e n z i o p r i m a d i g i r a r e "B a r c a m e n a n d o c i" ?
- M i a v e v a n o p r o p o s t o ( D o n a t i d e l l a C i n e r i z ) u n a l t r o g i a l l o , l h o r i f i u t a t o p e r c h e s c i o c c a m e n t e n o n v o l e v o d i v e n t a r e u n r e g i s t a d i g e n e r e ( o g g i l a p e n s o d i v e r s a m e n t e ) e c o s i m i s o n o a u t o r i d o t t o a l s i l e n z i o .

C o s a c i p u o i r a c c o n t a r e d e i t u o i u l t i m i p r o d o t t i "M a k P 1 0 0" e "B l u e T o r n a d o" ?
- H o g i r a t o "M a k P 1 0 0" e s c l u s i v a m e n t e p e r c h é s o n o a p p a s s i o n a t o d i v e l a , m a r e e r e g a t e . I l f i l m c o n t i n u a a d e s s e r e p r o g r a m m a t o c o n s u c c e s s o n e l l e r e t i M e d i a s e t , m a n o n g l i s o n o p a r t i c o l a r m e n t e a f f e z i o n a t o , p e r c o s i d i r e . "B l u e T o r n a d o" e s t a t a u n o t t i m a o c c a s i o n e p e r g i r a r e c o n a t t o r i a m e r i c a n i , i l s o g g e t t o n o n m i d i s p i a c e v a , i l c l i m a s u l s e t , s i a d a l p u n t o d i v i s t a a r t i s t i c o c h e p r o d u t t i v o , e s t a t o b u o n o e i l f i l m e s t a t o v e n d u t o i n t u t t o i l m o n d o . N o n m i p e n t o d i a v e r l o f a t t o .

I l d o c u m e n t a r i o e r i s u c i t o i n q u a l c h e m o d o a d a r t i d e l l e s o d d i s f a z i o n i c o m e n e l c i n e m a ?
- D i r e i p r o p r i o d i s i , s o p r a t t u t t o p e r c h e i n g r a n p a r t e h a n n o r i g u a r d a t o i l m a r e e l a M a r i n a M i l i t a r e e p e r c h e h o p o t u t o g i r a r l i d a n d o s f o g o s i a a l l e m i e c a p a c i t a d i r e g i s t a d a z i o n e c h e d i f i c t i o n . O g n i d o c u m e n t a r i o i n f a t t i n o n s o l o d o c u m e n t a , m a a n c h e r a c c o n t a d e l l e p i c c o l e s t o r i e l e g a t e d a r i t m o , s p e t t a c o l a r i t a e s e n s o d e l l a s u s p e n s e .

I n I t a l i a s i p u o a n c o r a f a r e c i n e m a s e n z a d o v e r p e r f o r z a s o t t o s t a r e a c e r t e regole di mercato che rischiano soltanto di impoverire il gia’ precario parco attori/registi di un certo livello ?
- Il fatto che io sia fermo da molti anni (per quanto riguarda i film, non certo per documentari e pubblicità) conferma l’enorme difficoltà cui accenna la tua domanda.

Come vedi il futuro del cinema in digitale ?
- Senz’altro positivo. Oggi la differenza con la pellicola, in termini di resa qualitativa e di scelte fotografiche, è ancora notevole, ma sono sicuro che le cose miglioreranno e il futuro del cinema sarà digitale.

Tu hai un sito Internet: la tecnologia può essere realmente un mezzo per scavalcare ostacoli insormontabili come quello di uscire dai lidi italici e spaziare nella rete globale ?
- Può esserlo, tanto è vero che sto ricevendo mail da tutto il mondo e il confronto con l’oltre frontiera non può che essere arricchente e sprovincializzante. C’è solo il rischio, nel gran mare della globalizzazione, di affogare.

Sei nato nel Nord Italia: hai trovato difficolta’ ad entrare nel mondo del cinema che come tutti sappiamo si sviluppa a Roma ?
- Oggi credo che le cose stiano diversamente, considerate certe realtà produttive regionali del Nord come il Piemonte e il Friuli Venezia Giulia. Ma certo Roma è ancora il più importante punto di riferimento per chi vuole far cinema. Negli anni settanta, quando sono “emigrato” da Padova, era l’unico. Grosse difficoltà non le ho incontrate, perché avevo un curriculum di premi per i miei film sperimentali di tutto rispetto, che mi avevano fatto conoscere da Giuseppe Ferrara, di cui sono stato aiutoregista, e perché – diciamocelo – ho portato i finanziatori del mio primo film.

Non pensi sia possibile aprire una strada in cui anche al Nord si possano creare strutture per dare la possibilita’ di girare nuovi prodotti alternativi senza dipendere dalla Capitale ?
- Certo che sì. Qualcuno ci sta provando, ma mi sembra di capire che, con i tempi che corrono, è molto faticoso e spesso disarmante.

Il tuo nuovo progetto si intitolera’ “Il Tarlo del Male” e sarà un thriller/noir: ci puoi dare qualche anticipazione in merito ?
- Non posso certo raccontare la storia, per ovvie ragioni di genere e anche scaramantiche. E’ comunque un progetto nel quale credo molto, che ho scritto insieme a Marisa, mia moglie. E’ un film che – credo – mi permetterà di tornare alla mia passione iniziale: la ricerca e la sperimentazione.

Hai un consiglio da dare a chi volesse intraprendere questa carriera ?
- Trovare i soldi per autoprodursi ciò in cui si crede.

Dopo “Il Tarlo del Male” hai già in mente qualche altro prodotto magari in pellicola ?
- "Il Tarlo del male" non è ancora girato, arrivare alla sua realizzazione è decisamente impegnativo, figuriamoci se ho in mente qualcos’altro!

928


Elenco Interviste

+ 19. Orchidea De Santis

+ 18. Liu Bosisio

+ 17. Barbara Magnolfi

+ 16. Nina & Ai

+ 15. Stefano Bessoni

+ 14. Davide Pulici

+ 13. Marco Dimitri

+ 12. Ivan Cattaneo

+ 11. Don Backy

+ 10. Luca Cirillo

+ 09. Enzo G. Castellari

+ 08. Isabella Santacroce

+ 07. Dardano Sacchetti

+ 06. Antonio Bido

+ 05. Marco Cortesi

+ 04. Roger Fratter

+ 03. Alda Teodorani

+ 02. Simona Brancati

+ 01. Cesare Canevari




Le ultime news pubblicate:

* Nuova produzione:"FIABA NERA"

* Realizzato il videoclip dei CRAWLER

* IL RESPIRO DI LAURA: aggiornamento 9

* IL RESPIRO DI LAURA: primo ciak

* IL RESPIRO DI LAURA: riunione con il cast principale

* I nomi dei primi attori scelti per la prossima produzione IL RESPIRO DI LAURA

* NINA CRAZY SUICIDE GIRL: recensione dell'anteprima del 19.04.2008

* Anteprima NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

*Inserita l'intervista all'attrice ORCHIDEA DE SANTIS

* Inserita l'intervista a LIU' BOSISIO

* Inserita una nuova intervista a IRENE GIORDANO

* Inserito il trailer di NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

* Inserita la nuova produzione NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

* LE PRIGIONIERE DI SATANA in post-produzione

* TOHORROR: i risultati dei concorsi

Vai all'archivio completo >>

 
© 2005 - Christian Arioli - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale - Accesso amministratore-