Christian Arioli.com Videomaker

Le interviste di Christian Arioli




PAZZE RAGAZZE SUICIDE: INTERVISTA (ANOMALA) A NINA E AI

PREMESSA

Qualche mese fa, su alcuni forum della rete, sono apparse due strani utenti rispondenti al nome di Nina e Ai. All'inizio si è pensato ad uno dei soliti boicottaggi da parte di sedicenti "trolls" (utenti che si infiltrano nei forum di discussione col solo intento di creare tensioni e disagi attravreso provocazioni e turpiloqui) suscitando spesso la rabbia e l'incredulità delle nuove arrivate ma nel tempo, pur essendo a dir poco eccentriche, hanno dimostrato a tutti di non avere nessuna mala intenzione. La cosa che probabilmente ha incuriosito molti forumisti, me compreso, è stata che utilizzavano un nickname (un nome fittizio utilizzato nei forum per non rivelare la vera identità di chi scrive) unico per entrambe rispondendo ai vari topic come se a scrivere fossero in due. Nina era quella che scriveva effettivamente ma ciò pare succedesse dopo una breve consultazione con l'amica giapponese Ai. Proprio Ai è stata un po' quella che ha interessato maggiormente gli utenti appunto perché diceva di essere nata in Giappone e che ora viveva in Italia. Non è stato facile accettare le due ragazze perché si definivano "pazze ragazze suicide", dedite alla pratica di vari stili di arti marziali, all'uso della katana e all'uso delle armi da fuoco, vivevano insieme (e questo ha acceso la fantasia di non poche persone), facevano lo stesso tipo di lavoro che le teneva impegnate per lungo tempo lontane dalla loro casa... Insomma, troppo belle per essere vere ! E così, dopo esserci incrociati in qualche forum, incuriosito da quanto raccontato dalle ragazze e dal modo molto "maschile" con cui affrontavano certi argomenti pur dando a intendere di essere femministe, ho mandato un messaggio privato attraverso il forum per sapere qualcosa di più sul loro conto. Non ho ricevuto nessuna risposta e ho pensato di lasciar perdere convinto che probabilmente erano davvero una montatura. Così ho lasciato passare del tempo ma ancora una volta le nostre strade si sono incrociate e ho ritentato con un altro "P.M." più articolato e (col senno di poi) più convincente e alla fine mi hanno risposto. Nel testo del messaggio chiedevo a Nina e Ai cosa ne pensassero di rilasciarmi un'intervista. Devo ammettere che non è stato per niente facile ma alla fine sono riuscito, quando ormai non avevo più speranze, addirittura ad incontrarle per fare una chiacchierata insieme.

Devo essere sincero: quando le ho viste la prima volta ho avuto un attimo di delusione perché mi aspettavo due ragazze completamente diverse da quelle che mi si presentavano davanti nonostante fossero due ragazze molto carine ma decisamente "normali", vestite come ci si veste per uscire un sabato sera tanto per intenderci. Ma una cosa mi ha veramente schoccato: Ai non era assolutamente orientale, era italiana quanto Nina e sinceramente a quel punto mi sono sentito preso in giro ed ero quasi tentato di andarmene. Poi però, probabilmente perché qualcosa dalla mia espressione poteva farlo intuire , Ai ha iniziato a parlarmi in giapponese. Mi sono seduto un po' imbarazzato, ho tirato fuori il mio registratore ed ho inizato subito ad intervistarle.

PREMESSA 2

Non ho avuto il permesso di utilizzare i loro veri nomi e per realizzare un'intervista audio e nemmeno di inserire foto delle ragazze ed ho voluto rispettare questa loro decisione. Mi sembrava però di realizzare graficamente un'intervista poco appetibile così ho avuto la fortuna di contattare un bravissimo e giovane illustratore, Massimo Cavenaghi, col quale ho iniziato a collaborare per la realizzazione di alcuni disegni di Nina e Ai immaginandole come eroine di qualche fumetto pulp, così come loro stesse si erano dipinte. Dopo qualche tempo i disegni erano pronti e tutti quelli che potete vedere su queste pagine sono stati realizzati dal bravissimo Massimo appositamente per questa intervista. La nostra collaborazione non è finita perché qualcosa, da quella calda serata di settembre, è successo...

Christian Arioli

Chi sono Nina e Ai ?
- (Nina): Sono due ragazze che vivono la vita. La spingono al limite per provare più emozioni possibili, per entrare in sintonia con essa perché bisogna saper assaporare ogni attimo per poter dire di essere realmente vissute. Per noi è fondamentale emozionarci, cercare di cogliere quell'attimo che se non prendi al volo passa e resta il rimpianto.

(Ai): Il fatto di essere così estreme ci consente di credere nelle nostre forze, nella vita non puoi contare sempre sugli altri e spesso tu sei la tua migliore amica. So che entrambe possiamo contare sulla fedeltà l'una dell'altra ma fuori da noi tutto diventa un'incognita, non sai mai cosa aspettarti dagli altri.

(Nina): Sì, io e Ai ci fidiamo ciecamente l'una dell'altra, siamo davvero in simbiosi ma questo non significa che tra noi tutto fili liscio, anzi, spesso siamo in totale disaccordo e questo ci porta ad affrontare forti contrasti...

(Ai): ... ma solo così possiamo rafforzare poi la nostra unione.

Nina e Ai sono un po' i vostri alter ego: quanto di quello che scrivete è vero e quanto frutto un po' della vostra immaginazione?
- (Nina): Tutto quello che diciamo su di noi è vero: anche se noi due non andiamo in giro che ne so, ad ammazzare la gente, o a picchiare di santa ragione o ad affettare con la katana lo spirito di Nina e Ai è il nostro. Loro, e di conseguenza noi, essendo le nostre proiezioni, agiscono nel nostro identico modo solo che lo fanno in un piano diverso, non in questo presente perché se ci comportassimo cos' non potremmo essere accettate dalla società ed è in effetti quello che è successo nel forum. La gente ci ha subito marchiate: "siete finte", e questa è la lampante dimostrazione di quanto sto cercando di dire.

(Ai): La dimensione di un forum di discussione è l'esatta collocazione nostra perché pur parlando di argomenti più o meno reali con utenti reali, lo si fa in un modo molto differente, lo si affronta in modo totalmente diverso da come lo si affronterebbe nella vita di tutti i giorni, faccia a faccia.

(Nina): Quanti forumisti si presentano, discutono, danno dei giudizi in una maniera che non è la propria ? Quanti di essi attraverso questo magnifico strumento che è internet si pongono, riescono a farlo, in una dimensione che gli permette di essere ciò che realmente si sentono dentro ? In queste grandi famiglie virtuali siamo tutti fratelli adottivi e siamo tutti un po' super eroi perché tra di noi, alla fine, c'è un muro che impedisce agli altri di entrare nel tuo privato, di invaderlo. Tu non sai chi sono loro e loro non sanno chi sei tu ma vieni accettato, non sempre vista la nostra personale esperienza.

Quindi la dimensione "forum" secondo voi sarebbe una sorta di mondo parallelo in cui poter comunicare liberamente ? Ma ciò non può essere visto come un sintomo di insufficiente auto stima ?
- (Ai): Assolutamente. Perché dovrebbe ? Credo che noi due abbiamo una grande auto-stima e così penso questo valga per altri utenti e anzi, secondo me è proprio grazie a questa che ci sentiamo perfettamente in sintonia col mondo virtuale di internet e questo non perché così crolla qualsiasi rapporo interpersonale diretto ma proprio perché senza l'involucro dentro cui ci hanno abituati o costretti a vivere, che non ci aiuta ad aprirci col mondo, possiamo esprimerci come meglio crediamo, possiamo essere Nina e Ai.

(Nina): Ovviamente non è un discorso che può valere per tutti: tu, ad esempio, mi pare che utilizzi internet per farti conoscere attraverso il cinema e quindi anche tu in un certo senso fai uscire la tua vera anima che è quella di fare il regista e in qualche modo ti sentirai diverso da quando invece sei nella tua vita "normale" e dove non puoi solo parlare di cinema ma anche di altre cose per te molto meno interessanti. Qui invece puoi essere quello che vuoi, puoi essere un regista a tempo pieno perché puoi scegliere di cosa parlare a differenza di quando affronti la realtà.

Questa consapevolezza di vivere in un sistema che non vi piace come ha influito sui rapporti con gli altri ?
- (Nina): Con gli altri semplicemente ci dobbiamo un po' adattare anche se spesso è più forte di noi e chi ci frequenta ti può testimoniare che se qualcosa non ci va non la mandiamo a dire.

Perché vi definite "pazze ragazze suicide" ?
- (Ai): E' quello che siamo. Siamo veramente pazze, non siamo molto "a segno", spesso non riusciamo a controllare le nostre emozioni e le manifestiamo senza pensare che la gente è abituata ad altri tipi di atteggiamenti. In ogni caso sono quelli che non ci apprezzano o comunque che non riescono a capirci che ci definiscono pazze ma è una cosa soggettiva, tu sei pazza anche quando semplicemente non reagisci nella maniera che uno si aspetta.

(Nina): Se fossimo circondate da gente come noi i pazzi sarebbero la minoranza che non ha i nostri stessi comportamenti. E' la maggioranza che decide cosa sia giusto e cosa no e noi evidentemente per molti non lo siamo. E di cinseguenza, non volendo assoggettarci al sistema gli andiamo contro sbattendoci il muso consapevoli che ciò non farà altro che peggiorare la situazione ed ecco spiegato il motivo per cui ci definiamo anche "suicide".

(Ai): Non si tratta di non aver rispetto per la nostra vita, anzi, è proprio il contrario !

(Nina): E' perché amiamo la Nostra vita che facciamo qualsiasi cosa per rispettare le nostre convinzioni, anche se questo va contro a molti.

NINA VISTA DA MASSIMO CAVENAGHI

Qual è la vostra missione ?
- (Nina): Non abbiamo nessuna missione, come detto in precedenza vorremmo poter essere quelle che siamo senza che questo susciti rabbia, sgomento o chissà che altro ma purtroppo pare che ciò non sia possibile e allora proseguiremo come sempre.

Ci parlate delle arti marziali che praticate e come è nata questa passione ?
- (Nina): Io fin da piccola mi ero appassionata al cinema esportato in Occidente da Bruce Lee grazie a mio zio, poco più grande di me, il quale mi portò al cinema dove proiettavano un sedicente film di Bruce che, ovviamente, tutto era fuorché un suo film. Si trattava di "Bruce Lee, lotta di titani" e pur trattandosi di un gonfupian dai toni un po' leggeri mi colpì talmente tanto che ogni volta in cui venivano proiettate pellicole di questo tipo non me ne perdevo una per cui posso affermare di essermi fatta una buona cultura. A proposito, devo ringraziarti per avermi fatto avere alcuni film che mancavano alla mia collezione. Tornando a noi, sì, insomma, da qui è un po' nata la mia passione per le arti marziali, grazie al cinema. A 11 anni poi mi sono iscritta in una palestra di karate e fino ai 18 anni sono rimasta ad allenarmi poi, meno ragazzina, ho iniziato ad apprezzare l'aikido e ho lasciato la vecchia palestra per iscrivermi a quest'altra. A tutt'oggi pratico aikido e quando il tempo me lo consente insegno ai bambini. Un'altra mia grande passione è la muay-thai, la lotta thailandese presente anche nel mitico "Con una mano ti rompo con due piedi ti spezzo" diretto e interpretato dal bravo Wang Yu ma in questa disciplina è molto più brava di me Ai.

(Ai): Sì, è vero... (ridono) E' strano che questo tipo di lotta mi abbia preso così tanto, io sono molto amante del Giappone e perciò ho da sempre praticato arti marziali prettamente giapponesi come il karate, il judo e l'aikido con cui spesso mi misuro con Nina. Invece un giorno ho fatto la conoscenza di un istruttore di muay-thai il quale mi ha mostrato alcune tecniche di calcio e dell'uso delle ginocchia e dei gomiti come fossero vere e proprie armi e mi ha talmente impressionata che la sera stessa sono andata nella palestra dove insegnava per iscrivermi. Purtroppo un grave infortunio mi ha tenuta lontana dalla palestra per quasi due anni e ancora adesso a volte ne risento i postumi.

Sbaglio o avete anche accennato all'uso della katana ?
- (Ai): Questa è stata un'idea di Nina...

(Nina): No aspetta, così sembra che abbia inventato una balla in realtà le cose stanno così: un giorno siamo andate in un negozio che vendeva armi e ci siamo imbattute in due stupende katana...

(Ai): Molto costose che se ci ripenso mi si stringe ancora il cuore !

(Nina): ... di cui ci siamo innamorate alla follia perché adoriamo collezionare armi classiche giapponesi e qualche volta ci concediamo dei lussi. Comunque, abbiamo acquistato le katana poi ci siamo guardate in faccia e subito ci siamo pentite per l'elevato costo ma ormai era fatta. Così dopo qualche giorno ho costretto Ai a venire con me a cercare una palestra che insegnasse kendo per giustificare la spesa ma non ne abbiamo trovata nessuna; o meglio, una ce n'era ma era talmente salata che a quel punto abbiamo deciso di lasciar perdere.

(Ai): Quindi appena ne ha avuto l'occasione ha subito scritto in un forum (o forse anche più di uno) che eravamo abili con le katana per ammortizzare almeno virtualmente la spesa che ancora oggi grava sulle nostre coscienze.

Quindi dicevate di essere amanti del cinema di arti marziali...
- (Nina): Sì, adoriamo letteralmente questo tipo di intrattenimento anche se purtroppo in Italia sono stati proiettati e trasmessi dalle emittenti locali ormai scomparse poi soltanto gongfupian ossia quei film in cui si combatte a mani nude e dove l'ambientazione è quasi sempre contemporanea. Come ben saprai questi tipi di film sono molto grossolani e spesso le coreografie lasciano il tempo che trovano, le storie sono pressoché identiche e dove appena c'era la possibilità i produttori italiani ti cambiavano il senso dei dialoghi inserendo qualche rimando alla figura del povero Bruce Lee. Se dovessi raccomandare qualcuno di questi prodotti consiglierei "Boxer Rebellion" del meraviglioso Chang Cheh, "Tre colpi che frantumano" dove, rarissimo caso forse unico, il protagonista è un codardo che non vuole combattere per paura di essere ucciso, "Cinque dita di violenza" col sempre bravo Lo Lieh ma da evitare il nuovo doppiaggio se non sbaglio della AVO, "Con una mano ti rompo con due piedi ti spezzo" di e con Wang Yu, davvero imperdibile per via del trash con classe e non poteva mancare "Dalla Cina con furore" con Bruce Lee. Tranne qualche esempio in Italia difficilmente passavano i ben più intriganti wuxiapian cioè i cosidetti film di cappa e spada molto più ricchi a partire dagli splendidi costumi e con trame molto più articolate essendo spesso tratte da fatti storici. La peculiarità di questi film è che spesso i protagonisti sono la trasposizione cinematografica di alcuni famosi racconti fantastici che danno anche un tocco di magia al tutto.

CHANG CHEH

CON UNA MANO TI ROMPO CON DUE PIEDI TI SPEZZO

(Ai): Anche io amo più i wuxia ma c'è anche un terzo, se vogliamo chiamarlo, genere che si è imposto nel panorama del cinema di arti marziali e cioè la poesia del cinema del compianto maestro King Hu. Questo autore di un livello sopra tutti (escluso Chang Cheh) ha saputo inserire all'interno di una struttura classica da wuxia, la filosofia e la poesia buddhista. Valga per tutti "A Touch Of Zen", tra l'alro trasmesso su RaiTre sottotitolato al quale si ispirano per certi versi le ultime pellicole come "La tigre e il dragone" e "Hero". E' una pellicola molto lunga, come quasi tutti i lavori di Hu, ma che riesce a non annoiare mai grazie ad una splendida sceneggiatura con forti temi fantastici molto cari al regista in questione. Consiglio quindi a chi riesce a reperirli tutta la filmografia di King Hu.

KING HU

IMMAGINI TRATTE DA "A TOUCH OF ZEN"

IMMAGINE TRATTA DA "HERO"

Ai, come ti sei avvicinata alla cultura giapponese e soprattutto cosa ti ha spinto ad imparare questa lingua estremamente complessa ?
- (Ai): Sembra paradossale ma è stato grazie a Mazinga Z ! Sono sempre stata una grande divoratrice di cartoni animati e quando ero piccola mi prendevano bene quelli dove erano presenti i robot e il primo di questi che ho visto è stato appunto Mazinga Z e quando adulta ho saputo che in Italia non erano mai andate in onda tutte le puntate dell'anime ho deciso di recuperare quelle inedite che ovviamente erano in giapponese. Così, dopo qualche puntata in cui non capivo nulla, mi sono seriamente messa in testa che avrei imparato il giapponese per vedere tutte le puntate di Mazinga Z e nel giro di due anni ho incominciato a farmi l'orecchio e sono riuscita a seguire i dialoghi anche se un po' a fatica. Ora mi sto perfezionando da circa due anni ed è diventata una vera e propria passione.

AI VISTA DA MASSIMO CAVENAGHI

Volete aggiungere qualcosa voi ?
- (Nina): Devo ammettere che per me è stata un'esperienza insolita ma molto interessante, mai avrei creduto che avremmo creato tutto questo chiasso intorno a noi e sono rimasta letteralmente sorpresa dalla tua richiesta visto che, da quel che ho potuto notare nel tuo sito, intervisti personaggi dello spettacolo o comunque di interesse culturale e un po' mi sento imbarazzata. Comunque ti ringrazio ancora per l'interessamento.

(Ai): Io posso farti i miei più sinceri auguri per la tua carriera e come Nina ti ringrazio per averci regalato questa intervista dall'evidente spirito giocoso.

Avrei un'ultima domanda: perché avete accettato di rilasciarmi questa intervista ?
- (Ai): Perché ce l'hai chiesto.

(Nina): E poi perché dopo dieci messaggi privati da altrettanti forum alla fine abbiamo dovuto cedere !

928


Elenco Interviste

+ 19. Orchidea De Santis

+ 18. Liu Bosisio

+ 17. Barbara Magnolfi

+ 16. Nina & Ai

+ 15. Stefano Bessoni

+ 14. Davide Pulici

+ 13. Marco Dimitri

+ 12. Ivan Cattaneo

+ 11. Don Backy

+ 10. Luca Cirillo

+ 09. Enzo G. Castellari

+ 08. Isabella Santacroce

+ 07. Dardano Sacchetti

+ 06. Antonio Bido

+ 05. Marco Cortesi

+ 04. Roger Fratter

+ 03. Alda Teodorani

+ 02. Simona Brancati

+ 01. Cesare Canevari




Le ultime news pubblicate:

* Nuova produzione:"FIABA NERA"

* Realizzato il videoclip dei CRAWLER

* IL RESPIRO DI LAURA: aggiornamento 9

* IL RESPIRO DI LAURA: primo ciak

* IL RESPIRO DI LAURA: riunione con il cast principale

* I nomi dei primi attori scelti per la prossima produzione IL RESPIRO DI LAURA

* NINA CRAZY SUICIDE GIRL: recensione dell'anteprima del 19.04.2008

* Anteprima NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

*Inserita l'intervista all'attrice ORCHIDEA DE SANTIS

* Inserita l'intervista a LIU' BOSISIO

* Inserita una nuova intervista a IRENE GIORDANO

* Inserito il trailer di NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

* Inserita la nuova produzione NINA CRAZY SUICIDE GIRL-LE PRIGIONIERE DI SATANA

* LE PRIGIONIERE DI SATANA in post-produzione

* TOHORROR: i risultati dei concorsi

Vai all'archivio completo >>

 
© 2005 - Christian Arioli - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale - Accesso amministratore-